COMUNE di TESTICO


PROVINCIA di SAVONA


Aree tematiche

Storia
Brevi cenni della storia di Testico, la dolorosa pagina della guerra e le curiosità.

Edifici religiosi
La Parrocchiale e gli altri edifici religiosi presenti sul territorio.

Turismo
Come raggiungere Testico, i suggestivi sentieri, indirizzi utili e... 'appetibili'.

Il Comune
Le informazioni su Amministrazione, orari, tributi e servizi comunali.

Tempo libero
Attività della Pro Loco, manifestazioni, Associazione bocciofila e petanque.


Storia - Cenni storici

A cura di Frà Francesco Mario Bussetti

Un primo insediamento, a carattere prevalentemente militare, avvenne presumibilmente con la costruzione del 'Castrum Testagi' da parte dei Romani.

I Romani chiamarono 'Testagus' il colle, che darà poi nome al Borgo.

Per la sua posizione strategica, servì come baluardo contro le invasioni puniche e, in seguito, barbare.

Dopo l'Evangelizzazione ad opera dei Monaci Benedettini, il nuovo Borgo è chiamato "San Pietro del Testico".

Nell'869 – stando alla "Carta" di Re Ludovico II° (825-875) – San Pietro del Testico è "pars" del Contado di Albenga.

Nei Secoli XII° e XIII°, dipende dalla Castellania di Montarosio e, unitamente a taluni "Castelli" e Paesi della Valle di Oneglia, è soggetto alla giurisdizione, civile e criminale, del Vescovo di Albenga: è Feudo Ecclesiastico.

Nel 1298, considerata la precaria situazione in cui versava il "Feudo" della Valle di Oneglia e ottenuto, precedentemente, il benestare di Papa Bonifacio VIII° (1235 - 1303), Nicolò Vascone, Vescovo di Albenga (1292 - 1302), vende il feudo ecclesiastico della Valle di Oneglia a Nicolò e Federico Doria.

Così il 30 Gennaio di quell'anno, San Pietro del Testico e tutti i paesi della 'castellania' di Montarosio cambiano 'Padrone'.

Durante il Medioevo, Testico fu difesa e rifugio per le popolazioni della Valle, soprattutto durante le periodiche incursioni dei Corsari barbareschi.

Il 30 aprile 1576 il Duca Emanuele Filiberto Savoia (1528 - 1580) riceve 'il Porto di Oneglia con le sue Valli superiore e inferiore, Castelli, terre e villaggi, ecc. ecc.' dal Signore Assoluto del Principato di Oneglia Gian Gerolamo Doria (1523 - 1576) che tuttavia si riserva in 'feudo personale' il territorio di Testico e Cesio.

Nel 1738 re Carlo Emanuele III° Savoia (1701 - 1773) aggregò al principato di Oneglia anche i feudi di Cesio e Testico, che rimasero momentaneamente sotto la giurisdizione del Marchese Doria di Ciriè.

E così San Pietro del Testico cambiò ancora una volta, "padrone" e, sino all'Unità d'Italia (1870), sarà punto avanzato del Regno Sabaudo.

Feudo Ecclesiastico (secolo XII°) venduto ai Doria (1298), e quindi 'infeudato' dai Savoia (1738), mai stette sotto il dominio di Genova.

Nel 1796 subì il saccheggio per opera dei soldati di Napoleone, che – smilitarizzato il Castello di Monte Arosio – giunti a Testico dal Passo di Cesio e di Paravenna, fecero 'razzia' in Paese; sfigurato lo stemma dei Doria sul Portale della Chiesa impoverirono la Parrocchiale di quanto più prezioso aveva.

Torna a Pagina iniziale

Impostazioni

zoom testo
i pulsanti qui sotto impostano lo zoom percentuale del testo

scelta aspetto
qui scegliete i colori di testo e sfondo

Informazioni

questo sito
è interamente costruito in XHTML 1.0 Strict e con i CSS level 2 ed offre un grado di accessibilità WAI AA. w3c validi Qui sono disponibili informazioni sui linguaggi.

validità
potete verificare la validità del codice delle pagine dell'intero sito con i validatori del W3C.


Comune di Testico - Piazza IV Novembre 1 - 17020 Testico SV - Telefono 0182 668091 - Fax 0182 668003
E-mail info@comune.testico.sv.it - Pec testico@legalmail.it


Questo sito è costruito secondo gli standard del W3C World Wide Web Consortium per essere fruibile nel migliore dei modi da parte di tutti gli utenti prescindendo da caratteristiche personali, dotazioni hardware, piattaforme software e browsers utilizzati.
I contenuti dovrebbero quindi essere disponibili in ogni caso, ma parte della grafica che rende più piacevole la fruizione sarà disponibile solo utilizzando un browser standard.
Se il vostro attuale browser ha caricato questo messaggio è probabile che non lo sia.
Se desiderate usarne uno potete, aprendo la pagina del sito del WaSP Web Standards Project conoscere i browsers standard gratuiti disponibili per ogni piattaforma.